• Corsi Tecnici

 

"Per fare le luci, prima, le puoi solo immaginare.
E per essere libero nella creatività, devi conoscere quello che usi."

In questo corso non si ha la pretesa di formare un tecnico audio-luci, ma di fornire dei mezzi per poter leggere questo aspetto negli spettacoli che si va a vedere,
o poter abbozzare a propria volta un disegno audio-luce per un’installazione o uno spettacolo dal vivo.

Luci - Alice Colla

Il disegno luci è un linguaggio per visioni, è una ricerca visiva che richiede introspezione e osservazione.
Indispensabile è la conoscenza dei propri strumenti e l’inventiva, la ricerca, la sperimentazione e il rispetto del lavoro.
Nella relazione con gli altri elementi che compongono uno spettacolo vi è uno stimolo costante:
- suoni, rumori, musiche, il disegno del suono nello spazio;
- la scenografia con i movimenti di scena e i costumi, il trucco;
- gli attori, tra quello che si deve nascondere e quello che si deve vedere, e come;
- il regista, nell’intensa e sempre diversa sfida della rappresentazione.

Argomenti trattati: 

Prima lezione introduttiva
- 1 ora di introduzione alla materia
- 3 ore di spiegazione dei principali strumenti di lavoro che si trovano nella maggior parte dei teatri italiani (fari, cavi, americane, ritorni, dimmer, consolle, gelatine e accessori)
- 2 ore di analisi di allestimenti per capire come riadattare lo spazio a teatri differenti

Seconda lezione intensiva
- 6 ore in cui vedremo come si compongono le principali situazioni luci e le loro variabili (piazzato, controluce, spot, tagli, pioggia, fondali, buio e ombre…), con riferimenti a situazioni luminose di spettacoli visti

Terza lezione in condivisione con Corrado
- 6 ore con il regista Corrado D’Elia sulla stretta relazione tra regia luci e regia dello spettacolo

Quarta lezione pratica
- 3 ore in cui vedremo insieme qualche scena teatrale in video, per imparare a impostare un copione senza impazzire
- 3 ore in cui ci concentreremo sulle piccole manutenzioni a cui vi potreste trovare di fronte a teatro, nella massima sicurezza

Le lezioni sono elastiche e il programma si adatterà agli interessi dei corsisti.
Potremo inoltre leggere alcune parti del Contratto Nazionale dei Lavoratori dello Spettacolo, assieme alle abilitazioni che possono rendere il vostro curriculum più completo e alle principali problematiche di questo lavoro, con le relative soluzioni.

In generale questo corso vuole dare delle risposte, ma soprattutto, si auspica di creare nuove domande e spolverare gli occhi, affinché “prendano più luce”.

Audio - Stefano De Ponti

Sentire è vedere / drammaturgie sonore è un corso teorico e pratico che punta ad analizzare e approfondire metodi e approcci per la fruizione, la creazione e l’organizzazione del suono in relazione alla scena, che sia essa visibile (teatro, performance, installazioni) o non lo sia (radiodrammi).
Durante il corso cercheremo di fissare un metodo di lavoro solido e un’attitudine creativa non convenzionale, aumentando la nostra consapevolezza nella scelta e nell’uso delle ormai infinite possibilità di riproduzione e registrazione del suono, attraverso un’ampia panoramica di materiali audiovisivi, l’approfondimento di nozioni teoriche e tecniche fondamentali unite a momenti pratici collettivi.

Argomenti trattati:
- tecnico del suono / musicista di scena / sound designer / live electronics: delucidazioni e differenze
- cenni storici e riflessioni: dal ditirambo al teatro contemporaneo: un’ellissi tra ritualità e intrattenimento, con particolare attenzione al ruolo del suono nella rappresentazione teatrale
- percezione e dispercezione sonora, suono diegetico ed extradiegetico
- l’importanza della pausa e del silenzio
- tecnica e spazio / le variabili di un impianto audio “tipo” in un teatro “X”: la spazializzazione e il posizionamento degli speaker, l’importanza della sorgente sonora e la funzione del mixer. Piccole ma sostanziali sfumature che fanno la differenza diventando veri e propri “segni”.
- registrazione e riproduzione: la preparazione di un suono per la scena e panoramica sulle principali possibilità di archiviazione e restituzione.
- accenni sul protocollo midi e i principali software di gestione del suono live / live processing.
- relazione tra suono, drammaturgia e regia dello spettacolo.

Il programma del corso è passibile di modifiche e aggiustamenti in itinere. Durante tutti gli incontri verranno fornite schede e materiali audiovisivi di riferimento per lo studio e la pratica individuale.

Calendario nel dettaglio:
3, 17 febbraio
3, 17, 24 marzo
14, 28 aprile
12 maggio


GIORNO&ORA: sabato (feb/mag) orario 10/17 inizio corso 3 febbraio 2018 ISCRIZIONI APERTE
DOCENTE: Alice Colla e Stefano De Ponti

E RICORDA: se sei già nostro allievo, porta un amico a Teatri Possibili! 
Con la sua iscrizione avrai subito 100 euro in regalo da spendere entro 12 mesi in uno dei tuoi corsi preferiti e 20 crediti studio.

Contattaci

Teatri Possibili,
Via Savona, 10
20144 - Milano
Come Arrivare >

Tel: (+39) 02 83 23 182
Mobile: (+39) 338 6274736

Orari apertura segreteria:
dal lunedi al giovedì dalle 14.30 alle 23
il venerdì dalle 14.30 alle 18

info@teatripossibili.org

Staff

Direzione: Corrado d'Elia
direzione@teatripossibili.org

Coordinatore didattico: Claudia Negrin
didattica@teatripossibili.org

Responsabile organizzativo: Valentina Tessari
organizzazione@teatripossibili.org

Responsabile amministrativo: Paola Brignoli
amministrazione.scuola@teatripossibili.org

Segreteria: Beatrice Milani
info@teatripossibili.org

 Unisciti anche tu alla Community

Ricevi gli inviti agli eventi, le promozioni e le novità sui corsi.