Q7B4236Allegato “A” al repertorio n.11283/8643
STATUTO
DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO - DURATA
Art. 1 - E' costituita l’Associazione:
Art. 2 - Essa ha sede in Milano, via Savona n.10.

“TEATRI POSSIBILI”
Art. 3 - L'Associazione è autonoma e indipendente, non ha fini di lucro e si propone di promuovere e favorire l'attività culturale e, in particolare, teatrale con vocazione europea, al fine di sensibilizzare e sollecitare la partecipazione popolare, favorire la qualità artistica ed il rinnovamento dell'offerta teatrale consentendo ad un pubblico sempre più ampio di accedere all'esperienza teatrale, con particolare riguardo alle nuove generazioni.
Al centro dell'attività dell'Associazione si pongono lo studio, la ricerca, il dibattito, la formazione e l'aggiornamento culturale, nonché attività di formazione in teatro counseling, la produzione e la realizzazione di spettacoli teatrali, la gestione di teatri, di cinema, di luoghi di cultura e di intrattenimento in genere, oltre allo studio, alla ricerca, al dibattito, alla formazione e all'aggiornamento culturale, l'intrattenimento musicale e comunque ogni iniziativa diretta alla diffusione del teatro, della cultura e dello spettacolo in genere.
A titolo esemplificativo e non tassativo, l'Associazione si propone di svolgere anche le seguenti attività:
- tavole rotonde, convegni, conferenze, congressi, dibattiti, inchieste, corsi, seminari, proiezione di films e documentari culturali o comunque di interesse per i soci;
- attività multidisciplinari (teatro, video, arte) in ambito socio-culturale, ricreative e turistiche, esposizioni ed eventi d'arte, nonché iniziative volte alla sperimentazione multimediale e multidisciplinare; promuovere e curare direttamente o indirettamente la redazione e l'edizione di libri, e pubblicazioni editoriali multimediali, audio-video, periodiche in ambito informativo/divulgativo, artistico, socio-culturale, turistico, e delle nuove tecnologie;
- altresì di istituire concorsi e assegnare borse di studio;
svolgere in genere tutte le attività che si riconoscono utili per il raggiungimento dei fini che l'Associazione si propone. Associazione potrà partecipare quale socio ad altre associazioni, federazioni di associazioni o altri organismi collettivi aventi scopi analoghi, connessi o complementari al proprio.
Art. 4 - L'Associazione ha durata illimitata.

PATRIMONIO ED ESERCIZI SOCIALI
Art. 5 - Il patrimonio dell'Associazione è costituito da:
- contributi degli aderenti;
- contributi di privati;
- contributi dello Stato, di enti ed istituzioni pubbliche finalizzati al sostegno di specifiche attività e progetti;
- contributi di organismi internazionali; donazioni e lasciti testamentari;
- rimborsi derivanti da convenzioni;
- ricavato dall'organizzazione di manifestazioni o dalla partecipazione ad esse;
- ogni altra entrata che concorra ad incrementare l'attivo sociale.
Art. 6 - L'esercizio finanziario chiude il 31 dicembre di ogni anno. Entro trenta giorni dalla fine di ogni esercizio verrà predisposto dal Consiglio Direttivo il bilancio consuntivo con un rendiconto economico e finanziario, quello preventivo del successivo esercizio.
E' fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonchè fondi e riserve durante la vita dell'Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. SOCI
Art. 7 - Sono soci le persone che hanno sottoscritto l'atto costitutivo e le persone od enti ammessi successivamente dal Consiglio in quanto condividono gli scopi dell'Associazione e vengono ritenuti idonei al loro perseguimento.
Art. 8 - Tutti i soci hanno uguali diritti ed uguali obblighi nei confronti dell'Associazione e sono tenuti a pagare una quota associativa annua che verrà determinata dal Consiglio Direttivo con delibera da assumere entro il mese di dicembre di ogni anno e valida per l'anno successivo.
Le quote associative sono intrasmissibili.
Art. 9 - La qualità di socio è annuale e si perde per decesso, recesso, morosità o indegnità: la morosità verrà dichiarata dal Consiglio; la indegnità verrà sancita dall'Assemblea degli soci.

AMMINISTRAZIONE
Art.10 - L'Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da due a cinque membri eletti dall'Assemblea dei soci per la durata di due anni.
In caso di dimissioni o decesso di un consigliere, il Consiglio alla prima riunione provvede alla sua sostituzione chiedendone la convalida alla prima assemblea annuale.
Provvede a quanto necessario al raggiungimento dei fini statutari; ed in particolare:
- fissa la quota sociale annuale di ammissione, i contributi associativi nonché la penale per i ritardati versamenti;
- delibera sulle direttive d’ordine generale dell’Associazione e sull’attività da essa svolta e da svolgere nei vari settori di sua competenza;
- convoca l’assemblea generale dell’Associazione;
- delibera sull’accettazione delle domande per l’ammissione dei nuovi soci;
- delibera in materia di assunzioni e licenziamenti dei dipendenti, con riferimento anche al profilo sanzionatorio Ciascun componente in conflitto di interessi ha l’obbligo di astenersi.
Art. 11 - Il Consiglio nomina nel proprio seno un Presidente, un vicepresidente e un Segretario, anche estraneo, ove atali nomine non abbia provveduto l'Assemblea dei soci. Nessun compenso è dovuto ai membri del Consiglio.
Art. 12 - Il Consiglio si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario o che ne sia fatta richiesta da almeno due dei suoi membri. E comunque almeno una volta all’anno per deliberare in ordine al consuntivo ed al preventivo ed all'ammontare della quota sociale.
Per la validità delle deliberazioni occorre la presenza effettiva della maggioranza dei membri del Consiglio ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Il Consiglio è presieduto dal Presidente, in sua assenza dal Vicepresidente, in assenza di entrambi dal più anziano di età dei presenti.
Delle riunioni del Consiglio verrà redatto, su apposito libro, il relativo verbale, che verrà sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.
Art. 13 - Il Consiglio è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell'Associazione, senza limitazioni.
Esso procede pure alla compilazione dei bilanci preventivi e consuntivi ed alla loro presentazione all'Assemblea, alla nomina di dipendenti ed impiegati determinandone la retribuzione e compila il Regolamento per il funzionamento della Associazione, la cui osservanza è obbligatoria per tutti i soci.
Art. 14 - Il Presidente, ed in sua assenza il Vicepresidente, rappresenta legalmente l'Associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio, cura l'esecuzione dei deliberati dell'Assemblea e del Consiglio; nei casi di urgenza, può esercitare i poteri del Consiglio, salvo ratifica da parte di questo alla prima riunione. La carica di Presidente dura due anni ed è rinnovabile.

ASSEMBLEE
Art. 15 - I soci sono convocati in assemblea dal Consiglio almeno una volta all'anno entro il 15 febbraio mediante comunicazione scritta diretta a ciascun socio, oppure mediante affissione nell’albo dell'Associazione dell'avviso di convocazione contenente l'ordine del giorno, almeno quindici giorni prima di quello fissato per l'adunanza.
L'assemblea deve pure essere convocata su domanda motivata e firmata da almeno un decimo dei soci. L'assemblea deve essere convocata in Milano, anche fuori dalla sede sociale.
Art. 16 - L'assemblea delibera sul bilancio consuntivo e preventivo, sugli indirizzi e direttive generali dell'Associazione, sulla composizione del Consiglio Direttivo, sulla nomina dei componenti di questo, sulle modifiche dell'atto costitutivo e dello statuto, e su tutto quant'altro ad essa demandato per legge o per statuto.
Art. 17 - Hanno diritto di intervenire all'assemblea tutti i soci in regola col pagamento della quota annua di associazione. I soci possono farsi rappresentare da altri soci con delega scritta.
Art. 18 - L'assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio, in mancanza dal Vicepresidente; in mancanza di entrambi l'assemblea nomina il proprio Presidente.
Il Presidente dell'assemblea nomina un segretario e, se lo ritiene il caso, uno o più scrutatori.
Spetta al Presidente dell'assemblea di constatare la regolarità delle deleghe ed in genere il diritto di intervento all'assemblea.
Delle riunioni di assemblea si redige processo verbale firmato dal Presidente, dal Segretario ed eventualmente dagli scrutatori.
Art. 19 - Le assemblee sono validamente costituite e deliberano al maggioranza dei voti, qualunque sia il numero degli intervenuti.

SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE
Art. 20 - Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dell'assemblea, la quale provvederà alla nomina di uno o più liquidatori e delibererà in ordine alla devoluzione del patrimonio residuo ad altra associazione con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, salvo altra destinazione imposta dalla legge o da organismi di controllo.

Firmato Corrado Elio Maria d'Elia
Firmato Giulio Grilli

Vuoi iscriverti o richiedere maggiori informazioni?

Contattaci allo 02 83 23 182 oppure compila il form seguente.

 Unisciti anche tu alla Community

Ricevi gli inviti agli eventi, le promozioni e le novità sui corsi.