workshop

Mi sono diplomata Attrice alla Scuola di Teatro diretta da Giorgio Strehler nel 1990.

Facendo parte del primo corso della Scuola e progetto pilota della Comunità Europea, ho avuto il privilegio di ricevere una formazione internazionale con insegnanti di ottimo livello e di far parte degli spettacoli di Strehler come tirocinante o allieva-attrice durante tutto il triennio.
Il primo spettacolo dopo la scuola fu “Le Baruffe Chiozzotte” in cui Strehler mi affidò il ruolo di Checchina e fu per questa interpretazione che vinsi il mio primo premio: “Milano 90” premio della critica come miglior attrice emergente. Era il 1992.
Nel 1997 Strehler preparò un’ultima edizione del suo spettacolo storico “Arlecchino, Servitore di due padroni” insieme ad un gruppo scelto di suoi allievi. Ebbi il ruolo di Clarice. Lo spettacolo voleva segnare il debutto di quella che sarebbe stata la compagnia dei Giovani del Piccolo in occasione del 50° Anniversario del Piccolo Teatro. Putroppo Strehler morì pochi mesi dopo il debutto.

Conobbi Valeria Moriconi nel 1998 quando, dopo la morte di Strehler ,decisi di andare via dal Piccolo per fuggire dal dolore (ahimè invano…). Andai a Roma a recitare il ruolo di Nina nel Gabbiano di Maurizio Scaparro con Moriconi e Pani.

L’incontro con Massimo Castri mise il primo paletto sul sentiero che sto percorrendo oggi.
Nel 2001 Massimo mi scelse per interpretare il ruolo della protagonista nello spettacolo Madame De Sade di Mishima. Fu un tormento e una rivelazione al tempo stesso. Fu proprio nella preparazione di quello spettacolo che cominciai a rendermi conto delle mie lacune e dei miei difetti. Massimo, senza troppi preamboli e con la ruvida sincerità che è uno dei suoi più grandi pregi mi disse che affidavo i risultati al mio talento e che, non avendo disciplina e non applicando la tecnica nel modo giusto, il talento non sarebbe stato sufficiente a farmi crescere.

Era vero, dolorosamente vero!

Da lì a poco, Il Piccolo Teatro veniva invitato dal Unione dei teatri d’Europa (UTE) a mandare a Mosca un attore in rappresentanza del teatro per un convegno organizzato da Anatolj Vassiliev. Mandarono me.
Fu un’esperienza straordinaria. Forse l’aver conosciuto un maestro, rende capaci di riconoscere le caratteristiche della genialità, o forse si è trattato solo di destino, fatto sta che mi accorsi subito di avere di fronte un altro maestro. Quella settimana trascorsa a Mosca determinò tutte le mie scelte future.
A Mosca mi raccontarono che un attore che ha perso il proprio maestro è privilegiato perché si porta dietro una ferita che non si rimarginerà mai e che lo obbligherà sempre alla ricerca. Forse in questo sta la mia fortuna.
Pochi mesi dopo chiesi a Vassiliev di poter andare alla sua Scuola a seguire il suo lavoro. Mi invitò in occasione della messa in scena di “Eugenio Onegin” tratto da Puskin e Tchaikovsky, un lavoro creato con attori e cantanti insieme. Trascorsi a Mosca un mese. Quello fu il primo di una serie di visite in Russia dal 2001 al 2004.

Vassiliev mi ha aperto la mente. Ha messo alla prova ogni mia certezza, radicato, spero abbastanza in profondità, il senso etico del teatro , mostrato la straordinaria potenza della disciplina e dato gli strumenti per creare un metodo di lavoro.
Quando ci fu la possibilità di riprendere Arlecchino ed io ero indecisa sul da farsi, Vassiliev mi disse solo una cosa: “Quando perdo un attore, perdo uno spettacolo.” Quella frase mi fece prendere una decisione: tornai ad interpretare Clarice, per onorare un percorso e il mio maestro. Era il 2002. Dopo quell’occasione, Interpretai ancora una volta Clarice nel 2007, in occasione del 60° del Teatro.
La mia esperienza teatrale è sempre stata accompagnata da momenti significativi di scoperta nella vita.
Non posso distinguere il percorso di un attore dal percorso della vita perché , secondo me, l’attore non fa un mestiere, intraprende una missione.
C’è un luogo che io considero la “mia Terra”, questo luogo ha visto tutte le stagioni del mio percorso, nutrito, stimolato, protetto e accudito la mia forza, la mia caparbietà ma anche la mia fragilità e la mia insofferenza.

Vuoi iscriverti o richiedere maggiori informazioni?

Contattaci allo 02 83 23 182 oppure compila il form seguente.

 Unisciti anche tu alla Community

Ricevi gli inviti agli eventi, le promozioni e le novità sui corsi.