Skip to main content

Club del libro

CATEGORIE :

 

Uno spazio di incontro per quanti tra noi amano leggere.
Una finestra di discussione per confrontarsi, dibattere e avere consigli su una buona lettura o un libro irrinunciabile.
Un perfetto club di lettura, con chi ha letto e vuole raccontare e chi invece non aspetta altro che un buon consiglio per immergersi in una lettura indimenticabile.
Un incontro mensile per chi non solo ama leggere, ma anche scambiarsi opinioni e approfondire temi, autori irrinunciabili o le nuove uscite,  vivendo questa esperienza in modo nuovo, condiviso e costruttivo!
E in più: la possibilità di sfruttare lo sconto del 10% che alcune bellissime librerie milanesi dedicano a tutti i soci Teatri Possibili.
Che aspetti?
Iscriviti al nostro club, è tutto gratis! Scrivi al 3288580954 o associazione@teatripossibili.it


Chirù di Michela Murgia
giovedì 14 marzo ore 21:00 – online

Amarsi vuol dire perdere l’equilibrio, derubarsi l’un l’altro, attrarsi e spaventarsi, scambiarsi di posto: è questo che fanno Eleonora e Chirú. La loro è una storia di apprendistato, dono, manipolazione e gioventù.

Quando Eleonora e Chirù s’incontrano, lui ha diciotto anni e lei venti di più. Le loro vite sembrano non avere niente in comune. Eppure è con naturalezza che lei diventa la sua guida, e ogni esperienza che condividono – dall’arte alla cucina, dai riti affettivi al gusto estetico – li rende piú complici. Eleonora non è nuova a quell’insolito tipo di istruzione. Nel suo passato ci sono tre allievi, due dei quali hanno ora vite brillanti e grandi successi. Che ne sia stato del terzo, lei non lo racconta volentieri. Eleonora offre a Chirú tutto ciò che ha imparato e che sa, cercando in cambio la meraviglia del suo sguardo nuovo, l’energia di tutte le prime volte. È cosí che salgono a galla anche i ricordi e le scorie della sua vita, dall’infanzia all’ombra di un padre violento fino a un presente che sembra riconciliato e invece è dominato dall’ansia del controllo, proprio e altrui. Chirú, detentore di una giovinezza senza piú innocenza, farà suo ogni insegnamento in modo spietato, regalando a Eleonora una lezione difficile da dimenticare. Michela Murgia torna al romanzo, e lo fa con coraggio, raccontando la tensione alla manipolazione che si nasconde anche nel piú puro dei sentimenti. Negli occhi di Eleonora e Chirú è scritta la distanza fra quello che sentiamo di essere e ciò che pensiamo di dovere al mondo: l’amore è la piú deformante delle energie, può chiederci addirittura di sacrificare noi stessi.